Vieni pagato per pensare o per fare?

Pensare e agire

Esistono lavori ben retribuiti che non richiedono di prendere decisioni importanti.

Permettono di portare avanti la carriera professionale senza mai doversi fermare ad un bivio critico, basta lavorare duro e tutto fila liscio.

Altri, ben pagati come i precedenti, non richiedono di agire, possono essere svolti con molto agio apparente, ma richiedono risposte precise, richiedono decisioni delicate.

Il mio lavoro richiede entrambe le cose e quella che all’inizio credevo fosse una sfortuna, ora la considero una benedizione.

Certo, all’inizio non la vedevo così e mi veniva spontaneo valutare la mia condizione usando gli altri come metro di giudizio… “se avessi il lavoro di Mario non avrei preoccupazioni” oppure “se avessi il lavoro di Gianni non dovrei faticare così tanto”.

Oggi la vedo una benedizione perché è proprio nel corretto equilibrio tra pensare e fare che si trova la formula del successo di Grandi Agenzie.

Potrei dire che il percorso che permette a un agente immobiliare di ragionare e ottenere i risultati di un imprenditore, passa proprio dalla gestione di queste due componenti.

Da agente immobiliare a imprenditore

Contrariamente a quello che pensano molti, per ottenere risultati nel settore immobiliare – intendo avere un’agenzia che fattura più di un milione di Euro l’anno – non basta lavorare più duro e diventare più competenti. Questo perché spingere senza un disegno preciso su quei due fronti porta nel breve periodo ad un incremento di fatturato, ma nel lungo periodo alla distruzione della nostra vita personale. Inoltre, il semplice concetto di “lavorare di più e meglio” se non inquadrato in un sistema preciso, ha un limite fisiologico ed è impossibile raggiungere certe cifre facendo affidamento solo su quell’attitudine.

Lo so bene perché ci sono passato e ho vissuto anche io l’illusione che spingere di più e acquisire competenze fosse la strada giusta.

Poi ho capito che era necessario fermarsi e ragionare in modo diverso ed è nata Grandi Agenzie.

Il sistema che applichiamo oggi è il frutto di anni di perfezionamento perché nulla nasce perfetto, ma col tempo tutto è migliorabile se si hanno le idee chiare e noi avevamo davvero le idee chiare. Volevamo un sistema replicabile che permettesse a noi di lavorare meglio e ai nostri affiliati di usufruire dei nostri processi e delle nostre competenze.

Per questo quello che faccio nelle sessioni one-to-one quando vado in agenzia da un nostro affiliato, non è la semplice lezione di aggiornamento, ma un affiancamento che lavora sui due aspetti delicati che ti ho menzionato prima: capacità di prendere decisioni e determinazione nel fare.

Ciò di cui ci si rende conto è che quando si hanno le idee chiare il lavoro duro ci soddisfa perché ogni sforzo è legato a un risultato e perché ogni decisione – per difficile che possa essere – viene presa seguendo riferimenti precisi.

Questo è possibile solo usando un sistema codificato e il nostro – il sistema di lavoro che utilizziamo in Grandi Agenzie – nasce proprio con lo scopo di trasformare ogni agente immobiliare in un imprenditore e ogni agenzia in un’impresa.

Se leggi per la prima volta questo blog immagino tu possa avere dubbi, perplessità e quel preventivo senso di diffidenza che ognuno di noi ha di fronte a una realtà nuova.

Io sono un po’ alla vecchia, per questo ti dico cosa faremo se compilerai il form per chiedere informazioni. Ti chiamerò al telefono personalmente per saperne di più sulla tua agenzia e su quello che state facendo, poi condividerò con te qualche numero su quello che stiamo facendo e non parlo di qualcosa che ho imparato a memoria, ma delle informazioni che vorrai chiedermi perché se c’è una cosa che non ci spaventa sono proprio i numeri (il nostro bilancio e quelli dei nostri affiliati parlano chiaro), se dopo la nostra chiacchierata penserai che è il caso di approfondire ci vedremo di persona, altrimenti ti porterai a casa qualche informazione utile.

Insomma, credo che avremo di che parlare. COMPILA IL FORM a questa pagina.

ciao, Stefano

 

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Pagheresti uno come te per il lavoro che stai facendo?

Delegalapersonamigliore

C’è un gioco che facciamo spesso in Grandi Agenzie.

Parlo di gioco perché il modo migliore per apprendere è proprio fare nostre alcune dinamiche giocando e interagendo in modo leggero.

Questo non esclude il rispetto delle regole – le famose regole del gioco – e aiuta a comprendere subito nuovi concetti.

Il gioco che facciamo ha a che fare con la delega. D’altronde, per trasformare la tua agenzia in azienda – e la tua mentalità da quella di un agente immobiliare a quella di un imprenditore – la delega è un aspetto insostituibile.

Come lavori oggi nella tua agenzia immobiliare?

Qui non scendo nei dettagli sul concetto di delega, ma ti fornisco uno spunto che sono certo potrà aiutarti a ragionare sul tuo modo di lavorare.

Quindi, pensa esattamente a come stai lavorando oggi, a come organizzi la giornata, gli impegni e l’interazione con i collaboratori.

A questo punto, pensando a un progetto ambizioso che stai seguendo chiediti se in tutte le mansioni in cui sei coinvolto ti consideri la persona migliore per svolgere quel compito.

Per essere più precisi la domanda corretta sarebbe “Pagheresti uno con il tuo grado di competenza ed esperienza per il lavoro che stai facendo?”.

Se sei onesto con te stesso ti accorgerai che alcune delle mansioni di cui ti stai occupando non ti vedrebbero come il candidato ideale: tu non ti assumeresti.

Eppure ti stai già pagando profumatamente, pensaci bene:

– Stai pagando con il tempo che investi

– Stai pagando con il rischio di commettere errori

– Stai pagando sottraendo energie a compiti che sai svolgere davvero bene

In molti casi agiamo in buona fede, ma il più delle volte sappiamo come stanno le cose e nonostante questo preferiamo ignorarle.

Il percorso in Grandi Agenzie prevede una formazione che scava a fondo sulle dinamiche dell’organizzazione perché la vera sfida non è quella di acquisire e vendere immobili, ma quella di avere un’organizzazione interna che ti permetta di ottenere più risultati liberando il tuo tempo e non facendoti lavorare di più.

Questo è il passaggio chiave che trasforma un agente immobiliare in imprenditore e passa proprio dalla delega.

Attenzione però.

Delegare non significa liberarsi del lavoro che “non vogliamo fare” perché passare ad altri ciò che non abbiamo la voglia o il coraggio di fare, non si chiama delega, è solo mancanza di responsabilità e non aiuta le aziende a diventare grandi.

In Grandi Agenzie invece aiutiamo i nostri affiliati a diventare grandi, di anno in anno, con fatturati in crescita costante. Lo dicono loro, ma soprattutto lo dicono i bilanci.

Per approfondire dai uno sguardo ai numeri e alle testimonianze dei nostri affiliati.

Più informazioni sul nostro Franchising?

Scoprire di più sul Franchising di Grandi Agenzie è semplice. Prendiamo un appuntamento e iniziamo col conoscerci meglio (nascono così tutti i più grandi progetti di lavoro). Contattami compilando il form che trovi a questa pagina.

Ti aspetto.

Ciao Stefano

 

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Scommetto che nella tua zona non funziona

Funzionaonon

Ogni giorno parlo con agenti immobiliari che operano in ogni zona d’Italia e sai cosa hanno tutti in comune? Pensano di vivere in un universo parallelo dove le regole sono diverse dal resto del mondo. Pensano di essere sfortunati perché lavorano in una grande città con molta concorrenza o in un piccolo comune con poche compravendite o in una località turistica con alti e bassi e così via. Pensano che le difficoltà che toccano da vicino chi lavora nell’immobiliare, per loro siano moltiplicate all’ennesima potenza e se lo pensi anche tu, qui c’è qualcosa per te.

Non so per quale motivo pensano di lavorare più duro degli altri ottenendo meno, ma è una convinzione radicata in ognuno di loro.

Ragazzi, non è così.

Non intendo dire che le cose siano semplici, ma vi posso assicurare che non vivete una condizione sfavorevole rispetto ai colleghi che operano altrove.

Parlo con molti agenti immobiliari perché sono in molti a interessarsi al Franchising di Grandi Agenzie come sono in molti quelli che partecipato agli eventi di formazione che organizzo – a Un Milione di Possibilità erano in 100 e venivano da tutta Italia.

Inoltre il mio lavoro è proprio quello di seguire da vicino gli affiliati di Grandi Agenzie con formazione e coaching one-to-one: lo specifico solo per dirti che questa è una realtà che conosco da vicino – non per sentito dire – e in questa realtà tutti pensano di operare in una condizione sfavorevole.

In particolare quando spiego loro il metodo di lavoro che sta alla base del Franchising di Grandi Agenzie in molti esprimono un dubbio che non riguarda il modello di franchising, le condizioni economiche, i contratti e gli aspetti legali, ma che è legato unicamente a ciò che può funzionare nella loro zona.

Mi piace come lavorate, ma nella nostra zona non funzionerebbe perché…

Ovviamente quello che funziona e non funziona nella loro zona è stato determinato su base empirica. Ovvero, provando e riprovando senza un metodo preciso e giungendo così a una serie di conclusioni scollegate tra loro.

Quelle conclusioni nel 99% dei casi sono sbagliate perché non si basano su test ripetuti con metodo. Non hanno applicato un modello di ricerca e di validazione, ma si sono basati sul fiuto, sull’istinto e hanno impacchettato tutto con un po’ di paure.

Il metodo che utilizziamo invece si basa sui numeri. Nel senso che ragiona in termini statistici su ciò che ha funzionato e richiede costantemente risultati per essere validato. In pratica non funziona perché lo abbiamo detto noi, ma perché i numeri ci danno ragione.

So bene però che i numeri non sono tutto e altre componenti finiscono per influire sulle decisioni di ogni agente immobiliare (succede anche a me, lo ammetto).

Anche se non conosceva il nostro mercato immobiliare, Henry Ford diceva “Che tu creda di farcela o meno, avrai comunque ragione” ed è proprio così.

Ovviamente mi piacerebbe che tu riuscissi ad “avere ragione” scommettendo di ingrandire la tua agenzia, trasformandoti da agente immobiliare a imprenditore e incrementando il fatturato di anno in anno. Questa è una scommessa che gli affiliati di Grandi Agenzie hanno fatto e che vincono regolarmente. Se non ti fermerai alla convinzione che “nella tua zona non funzionerebbe” nella nostra prima chiacchierata potremo parlarne nei dettagli (grazie ai numeri che abbiamo ottenuto, ma spiegandoti anche l’idea che ci ha permesso di raggiungerli).

Prenota un appuntamento con me, è senza impegno e potrebbe farti scoprire che il metodo di Grandi Agenzie funziona anche nella tua zona. Ti aspetto!

Ciao, Stefano.

 

 

 

 

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

L’antica arte di replicare i risultati (dal Rinascimento al mercato immobiliare)

 

artedella ripetizione

Sai in cosa consisteva il primo periodo di lavoro di un ragazzo appena arrivato a bottega di un maestro artigiano nei secoli scorsi?

Doveva ripetere poche azioni in modo preciso.

Poche cose fatte con grande precisione dovevano entrare nel suo DNA. Questo accadeva nel Rinascimento italiano, durante l’Impero Romano, ma anche nelle antiche dinastie cinesi del 2000 a.c.

Tutti i capolavori artistici e architettonici che la storia ha prodotto e conservato fino ai giorni nostri, devono la loro grandezza alla perfetta esecuzione di poche azioni.

Azioni ripetute all’infinito per creare opere irripetibili.

Ti sembrerà un paragone strano, ma in Grandi Agenzie mettiamo al lavoro ogni nuova agenzia – il suo titolare e i suoi agenti – sulla ripetizione di poche azioni che producono risultati eccezionali. Quei risultati si chiamano fatturato.

Per questo i nostri affiliati incrementano regolarmente il fatturato di anno in anno: non è solo impegno, ma un sistema di lavoro preciso che permette loro di farlo con piena soddisfazione.

Da agente immobiliare a imprenditore

Non si tratta quindi di abilità innate, ma di procedure che vengono replicate e che trasformano l’agenzia in un’azienda e l’agente immobiliare in imprenditore. Esistono chiaramente i bravi agenti immobiliari – quelli che hanno una marcia in più – ma quando si ragiona come un’azienda, il sistema e le procedure valgono sempre più del singolo talento.

Solo così i risultati possono diventare un fattore prevedibile e ripetibile – un lusso che chi si affida al colpo di genio non può certo permettersi.

Questo è uno dei primi concetti che si imparano di Grandi Agenzie.

Non serve diventare affiliati per comprenderlo perché è una cosa che comunico dal primo momento in modo chiaro. Lo faccio durante i colloqui che svolgo in giro per l’Italia per conoscere nuovi agenti, in ufficio, al telefono e qui sul blog.

Il sistema che utilizziamo è alla base dei risultati e guida tutto il nostro lavoro, ecco perché è indispensabile farlo proprio e questo, come accadeva nell’antichità, avviene attraverso la ripetizione.

Non sottovalutarlo perché è proprio la forza della ripetizione a guidare il cambiamento.

Ancora una volta, seguire un metodo di lavoro codificato aiuta, ma non basta. Ecco perché investo in prima persona tempo ed energie per raggiungere tutti i nostri affiliati sul territorio e occuparmi dell’affiancamento. Non un dettaglio, perché solo partendo da alcune attività di routine si può iniziare a lavorare su quelle famose “poche azioni” da ripetere con precisione.

Azioni semplici che seguono schemi precisi: è il nostro metodo di lavoro.

Funzionano? Sì e lo dimostrano i nostri affiliati. Richiedono impegno e disciplina? Sì, ma è un prezzo che vale la pena pagare.

Se molte azioni vanno ripetute più volte prima di essere interiorizzate, ce n’è una che dovrai fare solo una volta per ottenere risultati.

Si tratta di alzare il telefono e fissare un appuntamento con me per capire (numeri alla mano) in cosa consiste il metodo Grandi Agenzie e come potrebbe cambiare il tuo modo di lavorare.

Questo è il momento giusto per farlo e io sono sempre felice di parlare con chi ha deciso di fare il primo passo. Ti aspetto. Contattami qui.

Ciao, Stefano

 

 

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Scrivilo su un foglio: la fantasia è gratis (anche nell’immobiliare)

TIME E ORGANIZZAZIONE

C’è un esercizio che faccio sempre in aula con i ragazzi che formo.

È un esercizio che richiede 5 minuti, ma che si concentra su uno spazio temporale infinito: è un esercizio che parla del tuo futuro.

Il nostro lavoro quotidiano – aiutare le persone a cercare e vendere casa – ci proietta sempre verso orizzonti che sono dietro l’angolo.

L’incarico di un immobile, la vendita di un altro, un appuntamento spostato alla settimana successiva e un’altro anticipato dal pomeriggio alla mattina.

Viviamo sempre nel tempo presente legati a un appuntamento imminente.

Questo da concretezza alla nostra vita professionale, ma ci impedisce di sognare e il sogno a volte è il segreto dei grandi business.

Venendo all’esercizio, faccio scrivere su un foglio le caratteristiche ideali in cui l’agente immobiliare vorrebbe ritrovarsi ad operare se avesse la bacchetta magica.

Così, sogni e aspirazioni prendono forma e diventano luoghi, numeri, persone e comportamenti.

I sogni diventano una storia – perché quando lo scrivi nero su bianco il primo passo è fatto e la storia può essere raccontata.

Inutile dire che il risultato finale è sempre ambizioso perché per natura l’essere umano aspira al meglio, ad eccellere e a prosperare. Io, farei cambio con una a caso delle agenzie che sono state disegnate durante questo esercizio perché in ogni caso si intravedeva un luogo perfetto per lavorare con soddisfazione.

Una volta finito l’esercizio lo si analizza nei dettagli, ma c’è una cosa in particolare che faccio fare ai ragazzi, lo chiamo “timer esecutivo” che altro non è che un calcolo realistico del tempo necessario per raggiungere quell’obiettivo.

A questo pongo una condizione: calcolare il tempo necessario per raggiungere quell’obiettivo continuando a lavorare come si sta facendo nel tempo presente (stesse abitudini, stessi standard, stesse linee guida).

La fantasia è gratis, ma il cambiamento costa

Eccolo il problema: la fantasia è gratis, ma il cambiamento costa.

Costa impegno, coraggio e determinazione e questo è un prezzo che non sempre siamo disposti a pagare.

Ovviamente per raggiungere l’obiettivo finale servono sia fantasia che cambiamento e se la tua fantasia è insostituibile, per il cambiamento ci siamo attrezzati.

Il percorso per gli affiliati di Grandi Agenzie è strutturato in ogni dettaglio per cambiare il metodo di lavoro, ma soprattutto l’approccio dell’ agente immobiliare.

Trasformare agenti immobiliari in imprenditori

Anche per questo più volte ho detto che è un percorso che trasforma agenti immobiliari in imprenditori e agenzie immobiliari in aziende.

È vero, abbiamo un metodo di lavoro codificato nei dettagli, ma senza il cambiamento resterebbe un insieme di linee guida e nozioni inutili.

Il percorso formativo e di coaching one to one a cui viene sottoposto ogni affiliato rappresenta ciò che accompagna l’agente immobiliare verso il cambiamento e su questo devo dirti due cose: funziona e richiede tempo.

Funziona in modo matematico, tanto che sull’incremento di fatturato che ottengono i nostri affiliati anno dopo anno abbiamo creato una garanzia.

Richiede tempo e questo lo so bene visto che sono io che vado in agenzia a seguire periodicamente gli affiliati con affiancamenti che escono dall’aula per arrivare in trattativa.

Se fa per te non so dirtelo, ma posso dirti a scatola chiusa che ciò che hai scritto sul foglio ipotizzando le condizioni ideali in cui lavorare, è raggiungibile con il sistema Grandi Agenzie.

Come funziona Grandi Agenzie e in cosa consiste la nostra affiliazione?

È un cosa che so spiegare abbastanza bene con numeri ed evidenze, sarò felice di farlo anche con te.  SCRIVIMI e fissiamo un appuntamento, non è impegnativo e darà risposta a tutti i tuoi dubbi. Ti aspetto.

Ciao, Stefano Mulas

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

La decisione più importante per un agente immobiliare

da agente a imprenditore

Un imprenditore deve avere la capacità di prendere decisioni.

Non opera attraverso il lavoro manuale come un artigiano e a ben vedere nemmeno grazie ad abilità o competenze tecniche. La sua vera ricchezza sta nella capacità di prendere decisioni.

Una cosa non semplice, ma che ripaga con le soddisfazioni (economiche e personali) di un successo imprenditoriale.

Nell’immobiliare questo accade ogni giorno quando un agente immobiliare inizia a vedere il proprio lavoro come il frutto di decisioni importanti.

Di solito è in quel momento che si accorge di essere diventato a tutti gli effetti un imprenditore e di gestire la sua agenzia come un’azienda.

Sono cose che si imparano facendo?

Sicuramente “fare” aiuta, ma basta darsi un’occhiata attorno per capire che “fare” non basta.

Se bastasse darsi da fare, tutti gli agenti immobiliari che sono sulla piazza da più di 10 anni sarebbero imprenditori di successo. Non è così.

Non succede, eppure si tratta di bravi professionisti che ogni giorno ottengono la fiducia dei clienti senza tradirla (già questo non è poco).

Passare da agente immobiliare a imprenditore richiede metodo e sebbene io non abbia la presunzione di essere l’unico ad averne creato uno, posso dirti con sicurezza che il metodo di Grandi Agenzie funziona.

Funziona perché risponde esattamente alla necessità più comune degli agenti immobiliari in gamba che sono abituati a fare: permette loro di diventare imprenditori.

Funziona, in ultima analisi, perché lo dicono i numeri: parlo del fatturato dei nostri affiliati che anno dopo anno segna un incremento costante.

Dove si potrebbero reperire le informazioni, la motivazione e le linee guida del nostro metodo?Non te lo so dire in tutta onestà.

Certo, ho conosciuto grandi imprenditori nel settore immobiliare che hanno raggiunto risultati invidiabili e questo senza il metodo di Grandi Agenzie.

Non erano tutti uguali, ma avevano in comune un elemento di straordinarietà, qualcosa che usciva dal quadro comune di caratteristiche della persona comune.

A volte erano persone con una determinazione mai vista, altre volte erano persone con un’intelligenza superiore alla media e in altri casi erano persone che avevano sfruttato un momento favorevole e avevano saputo gestire bene il seguito.

Insomma, le loro storie imprenditoriali non sarebbero replicabili nemmeno se fossero loro stessi a volerlo.

La forza di replicare successi e risultati

La forza di quello che abbiamo fatto in Grandi Agenzie risiede nel fatto che seguendo le linee guida e applicando i processi di lavoro, il risultato diventa una conseguenza naturale.

Ecco perché non serve avere fortuna o una dote eccezionale per cambiare la propria condizione da agente immobiliare a imprenditore.

C’è una cosa che però nessuno potrà fare al posto tuo: fare il primo passo.

La decisione di alzare il telefono e fissare con me un appuntamento per capire nei dettagli (numeri alla mano) in cosa consiste il metodo Grandi Agenzie, dipende solo da te.

Questo è il momento giusto per farlo e io sono sempre felice di parlare con chi ha deciso di fare il primo passo. Ti aspetto. Contattami direttamente compilando questo form.

 

 

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Opporre resistenza Pregio o Difetto?

opporre resistenza

Pregio quando continuo a perseguire i miei obiettivi e ad inseguire i miei sogni, in questo caso opporre resistenza agli scoraggiatori di turno è una grande qualità. Purtroppo il mondo è pieno di idioti che sembrano pagati per invalidare le idee degli altri.

Difetto quando oppongo resistenza ai cambiamenti ed al confronto.

Persone assolutamente determinate e degne di stima a volte vivono in modo negativo il confronto proprio nel tentativo di preservare se stessi e soprattutto le loro idee.

Accanendomi in questo stato mi comprimo e divento materia contratta che smette di evolversi.

L’evoluzione di noi stessi è la cosa più bella che ci possa capitare, mette in luce qualità e talenti che a volte pensavamo di non avere e che ci rendono più ricchi e più belli dentro.

Ogni imprenditore sa che corre dei rischi ma deve imparare una lezione: cercare di non correre rischi equivale a smettere di crescere, posso solo controllare il rischio ma nessun imprenditore potrà mai azzerarlo.

Le sfide che ci poniamo ogni giorno, ci portano a correre il rischio di non farcela ma vale sempre la pena avere delle sfide piuttosto che rassegnarsi.

Le cose che mi hanno insegnato di più fino ad ora sono stati progetti oltre le mie capacità di quel momento, questi progetti sono stati il motore per imparare cose nuove e tirare fuori il meglio in assoluto da me stesso.

E’ stato sfidando me stesso pensando in grande ed abbattendo la resistenza al confronto ed al cambiamento che sono riuscito a realizzare il 100% dei sogni che avevo a vent’anni.

Il vero problema è che a 44 anni ho sogni ancora più grandi, e mi ritrovo in questo fantastico mondo a studiare ogni giorno cosa posso fare più e meglio.

Per questo vi invito a scoprire qualcosa di nuovo subito: iscrivetevi a 1 milione di possibilità. Restate aperti alle possibilità, a tutte le possibilità.

Buon Lavoro a tutti .

Stefano Mulas

 

Ps.  Per info sul corso MLN clicca qui

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Il tempo passato non te lo ridà nessuno, ma il futuro è tutto tuo!

sbagliaree imparare

C’è poco da fare, in Italia commettere errori nella propria carriera è considerata una vergogna. Nessuno vuole ammettere di aver sbagliato e tutti pretendono di proporsi come infallibili (dalla nascita).

Nascondere è più facile, ma non aiuta perché significa continuare come se niente fosse. Invece uno sbaglio può insegnare se analizzato: io ho imparato molto sbagliando, facendo e sperimentando.

Senza errori non sarei migliorato perché senza errori non avrei capito molte cose.

parlo con agenti immobiliari scoraggiati, capisco che qualcosa non ha funzionato negli anni passati, ma se non sento mai parlare di errori un po’ mi preoccupo.

Quando invece degli errori si parla apertamente, capisco che ci sono buone possibilità per lavorare assieme con profitto.

In generale, cerco di capire cosa portare a casa dall’esperienza passata di ognuno senza soffermarmi sul giudizio.

Di norma penso: tanti errori = tanta esperienza. E questo mi basta per concentrarmi sul futuro, perché è là che dobbiamo andare a lavorare.

Trasformare l’esperienza in risultati

In Grandi Agenzie pensiamo al futuro perché è ancora tutto da costruire e i risultati dipendono solo da noi. Se abbiamo imparato dagli errori del passato questo è il momento di mettere a frutto la nostra esperienza e trasformarla in risultati.

Tutto il sistema di lavoro di Grandi Agenzie è fatto per ottenere il massimo dall’esperienza passata, per questo dedichiamo una quantità di tempo notevole alla formazione e in particolare all’attività di coaching individuale. Me ne occupo io andando sul campo e lavorando fianco a fianco con i nostri affiliati.

L’aula è importante, ma è facendo le cose assieme, nella vita di tutti i giorni, che si affrontano i problemi e si è costretti a trovare una soluzione. Lì si impara davvero.

Insomma, è nella vita reale che si capisce se l’esperienza degli anni passati (sommata a quanto appreso nei momenti formativi) può finalmente darci i risultati tanto attesi.

E alla fine arrivano davvero questi risultati? Gli affiliati di Grandi Agenzie fatturano come sperato?

A quanto pare sì e lo dicono i numeri dei bilanci. Lo dicono gli stessi affiliati e lo dice la nostra garanzia che mette sul piatto un intero anno di royalties di affiliazione per chi non raggiunge i risultati che abbiamo prospettato (almeno il + 30% di fatturato nel primo anno). Abbiamo pensato che se avessimo sbagliato qualcosa avremmo dovuto imparare dai nostri sbagli e un anno di royalties sono un buon modo per imparare dai propri errori senza nasconderli.

[Scopri il SEGRETO che ci permette di ottenere questi risultati]

Insomma, pensiamo al futuro e ci scommettiamo fino in fondo perché non c’è una scorciatoia o una strada alternativa per raggiungere i risultati nel nostro lavoro. Bisogna impegnarsi, ma bisogna anche sfruttare in maniera intelligente quello che abbiamo imparato negli anni passati – altrimenti non puoi chiamarla esperienza.

Il mio segreto? Stare a contatto diretto con gli affiliati. Ogni territorio, ogni agenzia e ogni persona porta con sé una storia e molti insegnamenti, per questo il mio affiancamento è uno scambio alla pari dove condivido sì il nostro sistema e le nostre linee guida, ma porto anche a casa molto e questo non ha prezzo.

Alla fine però si torna sui numeri perché a fine anno si tira una riga e il numero in basso a destra sintetizza il risultato. A noi piace ragionare in questo modo e se anche tu ami valutare le cose in modo concreto andremo sicuramente d’accordo.

[Compila il form e fissa subito un appuntamento, è senza impegno]

Ciao, Stefano.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Siete tutti uguali (so che cosa stai pensando)

agentimmobiliarinonuguali1

Ti piace quando vieni liquidato con un “tanto siete tutti uguali”?

Non è bello.

Non piace a nessuno perché così facendo si infrange il valore più importante per ogni essere umano: l’unicità.

È così perché vogliamo tutti rappresentare qualcosa di unico per il prossimo, vogliamo sentirci apprezzati e riconosciuti per le nostre azioni. A chi non piace provare quella sensazione?

Questo è ciò che ci spinge a dare il meglio. In alcuni casi dando vita a veri e propri capolavori eterni – il mondo dell’arte ne è un esempio continuo – in altri lasciando il segno in ambito professionale, ma anche nella nostra comunità e in famiglia.

Te ne parlo perché quando presento il modello di franchising di Grandi Agenzie e mi sento dire che “tanto siete tutti uguali”, io soffro. Non mi arrabbio, ma soffro.

Eppure ne comprendo le motivazioni e vorrei fare una riflessione proprio sulle condizioni che hanno portato molti agenti immobiliari a pensare “tanto siete tutti uguali” quando si parla di franchising.

Cosa ha significato aderire a un franchising immobiliare in tutti questi anni?

Ragionando sui pro e sui contro direi che aderire a un franchising ha offerto l’opportunità a molti agenti immobiliari di:

  • aprire un’agenzia mettendo sopra la loro testa un cartello conosciuto (a volte anche prestigioso) e questo può aiutare quando si parte da zero
  • avere riferimenti burocratici, commerciali e organizzativi che hanno un grande valore quando si è privi di esperienza
  • non sentirsi soli nella fase iniziale (siamo animali sociali e il senso di appartenenza aiuta)

Di contro però il franchising è stato anche sinonimo di:

  • trattamento standard (poca personalizzazione)
  • nessuna garanzia sull’investimento
  • supporto inadeguato per fare il salto (il supporto era utile per partire da zero, ma quando si voleva passare dall’essere un agente immobiliare all’essere un imprenditore, non venivano forniti strumenti)

In pratica, un matrimonio che funzionava all’inizio, ma che non mancava di presentare il conto appena le cose si facevano serie e a quel punto l’agente si rendeva conto di essere solo uno dei tanti. Si rendeva conto di non essere unico e di contare ben poco.

Anche per questo il modello classico di franchising ha bisogno di grandi numeri per funzionare, ha bisogno di una rete molto numerosa perché deve fare i conti con una percentuale costante di insoddisfatti che lasceranno la famiglia strada facendo.

Quando mi ritrovo a fare due chiacchiere con un agente immobiliare che ha un po’ di esperienza – magari di franchising ne ha cambiati un paio nella sua carriera – comprendo il suo scetticismo, ma ne soffro ugualmente. Poi però passata la diffidenza iniziale entriamo in sintonia, accade nell’istante in cui comprende la nostra missione: trasformare agenti immobiliari in imprenditori.

 

Partiamo dalle relazioni per arrivare al fatturato

Anche per questo, se dovessero chiedermi la differenza di Grandi Agenzie direi…

Il modello di franchising di Grandi Agenzie punta sulle relazioni per arrivare ai numeri: pochi affiliati con cui lavorare fianco a fianco perché non c’è altro modo per trasformare un agente immobiliare in un imprenditore se non una relazione costante come quella che si crea con il percorso di coaching personalizzato. Infatti, siamo noi per primi a fare una selezione iniziale perché onestamente Grandi Agenzie non è per tutti.

I risultati però alla fine si vedono e non sono frutto di interpretazione soggettiva: sono i numeri dei bilanci dei nostri affiliati e la loro soddisfazione.

Il modo più semplice per conoscere il nostro modello di Franchising è quello di farci una chiacchierata [puoi prenotare un appuntamento con me anche adesso] prima però dai un occhio a questi dati. Sono il frutto di un lavoro basato sulle relazioni umane [accedi ai dati riservati qui].

Ciao Stefano

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Ecco perché continuano a rimandare (anche se sono bravi nell’immobiliare)

ga successo.agenzia

Ieri sera ho fatto il conto di quanti agenti immobiliari ho conosciuto dall’inizio della mia carriera. Il conto non è scientifico, ma realistico (fidati). Prima ho creato una lista di tutti quelli con cui ho lavorato e di cui ricordavo nome e cognome.

Poi ho creato una formula semplice per stimare con quanti agenti immobiliari entro in contatto mediamente ogni anno.

Parlo di agenti immobiliari che non lavorano in Grandi Agenzie, ma che conosco perché:

  • Interessati al Franchising di Grandi Agenzie
  • Interessati a lavorare in Grandi Agenzie
  • Interessati a collaborazioni su compravendite
  • Operanti sul territorio (ci conosciamo tutti in zona)
  • Conosciuti a conferenze, corsi ecc

Insomma, alla fine ho stimato di aver stretto la mano almeno una volta ad oltre 2.000 agenti immobiliari. Di questi non ricordo nome e cognome, ma so per certo che tra loro c’era una buona percentuale di agenti immobiliari in gamba, bravi nel loro lavoro, scrupolosi e spesso dotati di un talento innato.

Se avessi dovuto fare una previsione di crescita senza considerare altri elementi, avrei detto che il loro business era destinato al successo.

Con gli anni però ho capito molte cose. Alcune osservando il mercato, altre a mie spese facendo esperienza. Tra queste, ho capito che non basta essere dei bravi agenti immobiliari.

Non basta essere un bravo agente immobiliare

Sembrerà strano, ma essere bravi ed esserne consapevoli, a volte rappresenta un limite.

Di che limite parlo? Concedersi il lusso di rimandare, di non essere costanti, di non essere disciplinati e organizzati perché è così: quando si è bravi si può infrangere qualche regola ed è facile procrastinare.

Purtroppo il mercato non aspetta, ed oggi non c’è modo di avere successo senza un sistema di lavoro organizzato e preciso.

È quello che abbiamo creato in Grandi Agenzie e che permette ai nostri affiliati di ottenere risultati concreti anno dopo anno (ne siamo così sicuri che offriamo una garanzia su questo)

Sono bravi i nostri affiliati? Certo che sì, chi lavora con noi ha grandi capacità, ma il segreto è nel sistema e voglio spiegarti il perché.

Produrre risultati costanti con metodo

Entrare in Grandi Agenzie non significa mettere un’insegna sopra alla vetrina del proprio negozio. Significa adottare un metodo di lavoro completamente nuovo che contiene sì linee guida e procedure, ma vede come elemento centrale il confronto con me e le altre figure di riferimento in Grandi Agenzie.

Significa che vengo da te in agenzia e lavoriamo fianco a fianco sui numeri e sulle procedure e questo genera risultati costanti nel tempo.

In pratica, entrare in Grandi Agenzie elimina le possibilità di procrastinare e fa sì che il talento del singolo lavori per produrre quei risultati che tutti vogliamo raggiungere.

Si parla spesso di lavoro di squadra, ed è un concetto che trova molto spazio nei discorsi, ma poco nella pratica. In Grandi Agenzie lo abbiamo fatto nostro e l’unico modo per lavorare come una squadra è lavorare fianco a fianco, sul campo. Con noi succede proprio questo e guardando i numeri dei nostri affiliati direi proprio che funziona.

Come funziona il Franchising di Grandi Agenzie?

A questa e ad altre domande mi piace rispondere perché ho dei numeri da condividere di cui vado fiero. Per questo, la cosa migliore per approfondire è farci una chiacchierata come avviene quando si è interessati a qualcosa e si cerca di capirne di più.

Chiamami per fissare un appuntamento o scrivimi a franchising@grandiagenzie.it

Ti aspetto!

P.S. dai un occhio anche a questi dati http://segreto.grandiagenzie.it/

Ciao Stefano,

 

 

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone